Al momento stai visualizzando Boeing 737 Max, Ryanair cambia il nome ai suoi aerei

Boeing 737 Max, Ryanair cambia il nome ai suoi aerei

  • Articolo pubblicato:20 Luglio 2019

Ryanair – Novità in vista?

Ryanair ha deciso di rinominare i suoi nuovi Boeing 737 Max per scongiurare eventuali reazioni negative da parte dei passeggeri. Il velivolo è fermo in tutto il mondo dopo i due incidenti in Indonesia (a ottobre 2018) ed Etiopia (marzo 2019) che hanno causato 346 vittime.

Ma mentre in casa Boeing stanno lavorando per risolvere le criticità emerse al sistema informatico (in particolare a quello anti-stallo), negli stabilimenti di Renton — nei pressi di Seattle — continuano ad assemblare ogni giorno i 737 Max ordinati dalle compagnie in tutto il mondo.

Compresa Ryanair che ne ha richiesti 135 e opzionati altri 75. Una mossa che sembra assecondare il suggerimento del presidente americano Donald Trump che ha proposto di modificare il nome del jet.

Ryanair: la ri-certificazione

Uno dei grandi temi riguarda la reazione dei viaggiatori alla vista del velivolo. Le diverse autorità che si occupano di regolare il trasporto aereo e la stessa Boeing assicurano che il 737 Max sarà ancora più sicuro di prima. Ma intanto Ryanair ha deciso di prevenire eventuali criticità d’immagine.

E così quando il velivolo sarà consegnato alla principale low cost d’Europa — «probabilmente tra gennaio e febbraio 2020», fa sapere la società — non si leggerà più la scritta «Max»: di fianco al 737 comparirà

«-8200», come emerge dagli scatti concessi al Corriere da Woodys Aeroimages.

Un cambio rispetto all’indicazione che appare nei primi quattro esemplari di Ryanair già assemblati e che dovevano essere consegnati lo scorso aprile. Contattata dal Corriere Ryanair ha preferito non fare commenti sulla vicenda, mentre per prassi Boeing non si espone sulle decisioni relative ai propri clienti.

I tempi

Lo spostamento della data di rientro dei 737 Max ha spinto Ryanair anche a rivedere la previsione di crescita per la prossima stagione estiva (che in aviazione corrisponde al periodo fine marzo-fine ottobre) che vedrà un +3% contro il +7% calcolato in precedenza e i passeggeri nel periodo aprile 2020-marzo 2021 dovrebbero così essere 157 milioni contro i 162 milioni del precedente bollettino.

Questo perché la low cost stima di ottenere nell’estate dell’anno prossimo 30 737 Max, meno dei 58 preventivati. «Ryanair ha ordinato i Boeing Max 200 — una variante dei Max — e questi hanno bisogno di essere certificati separatamente sia dalla FAA (l’ente federale americano dell’aviazione), sia dall’Easa (l’ente europeo)», commenta in una nota Michael O’Leary, ad della low cost.

(FONTE: CORRIERE.IT)

Volo Cancellato, in Ritardo o in Overbooking?

Ottieni GRATUITAMENTE fino a 600 Euro di Risarcimento!

RICHIEDI IL RISARCIMENTO

    Richiedi Senza Spesa il Tuo Risarcimento

    Hai tempo fino a 2 anni


    Soccorsoalvolo.it


    Assistenza ai Viaggiatori Aerei


    Via Labicana, 31 - 00184 - Roma


    Numero Verde: 8009442443
    WhatsApp: 3451160089


















    + 1500 recensioni
    Google e Facebook

    Chiudi il menu

    Avviso importante

    La Legge n. 118 del 5 agosto 2022 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021) ha introdotto il tentativo obbligatorio di conciliazione per la soluzione non giurisdizionale delle controversie tra le Compagnie aeree ed i passeggeri, delegando all’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART) la disciplina attuativa e la gestione delle procedure conciliative.

    A seguito della modifica legislativa sopra citata, le Compagnie aeree Ryanair e EasyJet non riconoscono più ai Passeggeri le spese sostenute per essersi rivolti ad un Avvocato, ad una Società o ad una Associazione di consumatori al fine di essere assistiti nelle controversie volte ad ottenere la compensazione pecuniaria, l’indennizzo o il risarcimento previsti dalla normativa nazionale, comunitaria ed internazionale nelle ipotesi di prolungato ritardo del volo, di cancellazione del volo, di negato imbarco, di smarrimento o ritardata consegna del bagaglio.

    Soccorso al Volo, da oltre 10 anni, assiste i Passeggeri a costo zero, percependo solamente le spese legali riconosciute direttamente dalle Compagnie aeree. Soccorso al Volo vuole continuare a difendere ed assistere i Passeggeri con la professionalità, la determinazione e la passione dimostrata in questi 10 anni di attività, durante i quali ben il 98% dei Passeggeri assistiti hanno ottenuto la compensazione pecuniaria, gli indennizzi ed i risarcimenti previsti dalla normativa nazionale, comunitaria ed internazionale.

    È per tali ragioni che Soccorso al Volo – al fine di continuare ad offrire ai Passeggeri un servizio di assistenza di elevata qualità professionale ed al solo scopo di “coprire” le spese di assistenza – si vede costretto a trattenere (soltanto per le vertenze con le Compagnie aeree Ryanair e EasyJet che si concludono in via stragiudiziale) il 30% dell’importo della compensazione pecuniaria o dell’indennizzo/risarcimento riconosciuto ai Passeggeri dalle predette Compagnie aeree.

    Soccorso al Volo si occuperà sia del reclamo e sia della procedura di mediazione/conciliazione.

    IMPORTANTE: nelle controversie dinanzi alle Autorità giudiziarie NON sarà richiesta ai Passeggeri alcuna percentuale, poiché ogni importo dovuto a Soccorso al Volo sarà pagato direttamente dalle Compagnie aeree Ryanair e EasyJet secondo le disposizioni stabilite dal Giudice.

    Certi della Vostra comprensione e ringraziandovi per la fiducia che ci avete manifestato in questi 10 anni di attività, Vi porgiamo i nostri più affettuosi sentimenti di gratitudine.

    Avv. Domenico La Teana
    www.soccorsoalvolo.it